Close

Questo sito utlizza cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Privacy Policy.

FISIOEQUIPE

Studio di fisioterapia in Roma

| |

ARTROSI: COSA è? QUALI SONO LE CAUSE? QUALI SONO I SINTOMI Più COMUNI? TRATTAMENTO CHIRURGICO E FISIOTERAPICO.

COSA è L’ARTROSI?

L’artrosi è una patologia reumatica molto frequente che causa la degenerazione delle cartilagini articoli delle articolazioni del nostro corpo.

La cartilagine ricopre la parte esterna delle ossa che formano un’articolazione ed ha il compito di ammortizzare le forze che agiscono sull’articolazione. Si nutre di un liquido viscoso (sinoviale) che le conferisce una perfetta idratazione ed elasticità. Quando c’è un processo artrosico la cartilagine perde le sue proprietà e consumandosi causa l’attrito tra le due superfici ossee e questo produce dolore. In alcuni casi a causa di questo attrito si viene a generare altro tessuto osseo (osteofiti) che provoca deformazione dell’articolazione ed insorgenza di sporgenze simili a noduli.

QUALIS SONO LE CAUSE?

La degenerazione della cartilagine articolare è associata al processo d’invecchiamento dell’individuo. Dobbiamo però includere altri fattori che favoriscono l’insorgenza dell’artrosi: la predisposizione famigliare, i microtraumi ripetuti, l’obesità, alcune alterazioni infiammatorie neurologiche o vascolari (es: artropatia di Charcot , neuropatia diabetica) altre patologie in particolar modo l’artrite reumatoide, alterazioni posturali disfunzionali(es: ginocchio valgo o varo) e la menopausa.

La sedentarietà e il sovrappeso sono fattori di rischio che instaurano un circo vizioso che predispone le nostre articolazioni al processo di artrosi.

QUALI SONO I SINTOMI Più COMUNI?

I sintomi più frequenti dell’artrosi:

Dolore: all’inizio della patologia il dolore compare solo durante il movimento dell’articolazione interessata; quando l’artrosi è consolidata si ha dolore anche a riposo.

“Scricchiolio”: che si deve all’attrito fra i segmenti ossei .

Deformazione:  accrescimento “laterale” dell’osso casato dallo sfregamento delle due superfici ossee.

Rigidezza: soprattutto al mattino.

Perdita di mobilità dell’articolazione.

Infiammazione ed edema.

LOCALIZZAZIONI Più FREQUENTI: mano, ginocchio, anca (coxoartrosi), colonna vertebrale.

Farmaci: è buono assumere farmaci per l’artrosi? Quali?

In caso si debbano assumere dei farmaci di tipo analgesico o anti-infiammatori è importane sapere che non è conveniente prendere farmaci per un lungo periodo, in maniera sistematica. I farmaci sono indicati per evitare il dolore nelle fasi acute della malattia (fase di infiammazione: artrite) ma non sono la soluzione al problema. Tolgono il dolore e non la causa. Ciò nonostante è preferibile optare per il Paracetamolo che è un analgesico che in molte occasioni risulta essere la migliore opzione perché tiene meno effetti collaterali.

I sintomi dell’artrosi possono notevolmente migliorare con un adeguato trattamento fisioterapico. Ricordiamo che mantenere un buon tono muscolare può prevenire l’artrosi.

TRATTAMENTO E CONSIGLI PER L’ARTROSI: COSA POSSO FARE?

  • Prescrizione di esercizio fisico adattato e specifico
  • Evitare sovraccarichi articolari e posture errate
  • Controllare il proprio peso (BMI), il sovrappeso può aumentare i sintomi del’artrosi
  • Alimentazione adeguata e specifica
  • Fisioterapia basata su terapia manuale ed esercizi specifici.

L’esercizio fisico può in alcuni casi essere controindicato a seconda del livello di degenerazione della cartilagine e dell’attività che viene svolta.

In ogni caso l’esercizio rimane un buon alleato per prevenire e migliorare l’artrosi, stimola i processi metabolici responsabili della rigenerazione dell’osso, migliora il tono muscolare, aumenta la resilienza dei tendini  de in caso di sovrappeso aiuta a perdere peso facendo sì che le nostre articolazioni abbiano meno carico meccanico da sopportare.

Esistono un’ampia gamma di esercizi specifici per ogni articolazione e lo stadio della patologia. Gli esercizi devono essere graduati da un fisioterapista per poter potenziare selettivamente i differenti gruppi muscolari.

 


Se ti è piaciuta questa notizia, clicca Mi piace in alto a sinistra. Se pensi che possa essere utile anche ad altri, condividila con i tuoi amici.
RITIENI QUESTA INFORMAZIONI INTERESSANTE ??? COMPILA IL FORM E SCRIVICI
* campi obbligatori Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!